IL SEDANO

L’intramontabile gusto che regala il sedano a tavola: con il sedano, infatti, si possono preparare mille ricette ma, al di là della sua estrema versatilità in cucina, questo ortaggio presenta anche molteplici virtù nutrizionali, che ne fanno un alimento sano, quasi paragonabile ad un vero e proprio medicinale. Le varietà usate in cucina sono il sedano da costa e il sedano rapa. Quest’ultimo è conosciuto e coltivato quasi esclusivamente nelle regioni dell’Italia settentrionale e, a differenza della specie più diffusa, si presenta a forma di globo, con delle foglie di colore verde scuro; per il suo gusto particolarmente delicato in cucina viene impiegato non solo come aromatizzante, ma anche come ingrediente principale. Ma il sedano per eccellenza è quello a coste, che fin dall’antichità è conosciuto e apprezzato come pianta medicinale. Contiene potassio, selenio, calcio, fosforo, magnesio ed anche una sostanziosa percentuale di vitamine A e C; ha inoltre proprietà diuretiche e depurative, in grado di apportare notevoli benefici a coloro che soffrono di artrite, reumatismi e debolezza di stomaco.

Le raccolte dell’ortaggio iniziano a partire dal mese di agosto e si protraggono fino ai primi geli. Esso andrà conservato a lungo in frigorifero all’interno di un sacchetto traspirante nel settore meno freddo, ma resta croccante solamente per quattro o cinque giorni. Anche le popolazioni antiche la sapevano lunga sul coltivare l’orto: stando a quanto riportato da Plinio, i Greci consideravano il sedano quasi una pianta ed Omero arrivava ad attribuirgli proprietà divine: basti pensare all’episodio dell’Iliade in cui narra che Achille riuscì a guarire il proprio cavallo proprio grazie a questo vegetale. Ma anche presso i Romani era molto apprezzato: questi, ritenendo che fosse in grado di ritardare l’ebbrezza alcolica, vi componevano delle corone da presentare ai commensali dei banchetti.

CONFEZIONAMENTO

# Confezione Peso Pezzi
1 Sedano a coste 6,5 kg Cassettina
TOP